domenica 21 novembre 2010

SESSO & POTERE

Ecco le ultime parole famose sulle mutandine della ministra Carfagna (ma le porta?). Ed ecco le ultime parole famose sul Papa che finge di aprire al preservativo (quasi consentito a prostituta/o, il preservativo resta peccato per il cliente che lo indossa: sai che novità!). 

Ecco le ultime parole famose su Berluska amico del Dell’Utri, che a sua volta era amico di Mangano (dicono di non aver saputo che Mangano era un mafioso: adesso che glielo abbiamo detto Dell'Utri ribadisce lo stesso che per lui è stato “un eroe”!)

Infine: ecco le ultime parole famose su Dino Boffo (condannato, checché ne dica il cardinal Ruini); sul ministro Maroni (che ha bisticciato con Saviano); sul burqa tollerato da certi kattolici (ma non da certi islamici).

_______________________________



1)  Parlando di rapporti tra la 'ndrangheta e la Lega al nord, Saviano ha fatto infuriare il ministro leghista Roberto Maroni. Ecco cosa ha voluto sottolineare (su “Il Fatto Quotidiano”), Marco Travaglio: «Basta così poco per mandare in bestia il ministro dell’Interno Maroni il quale, poveretto, pensa di essere lui ad arrestare i mafiosi latitanti, e non invece le forze dell’ordine a cui il suo governo taglia i fondi e i magistrati di Palermo e Napoli che la sua maggioranza insulta giorno e notte quando processano Dell’Utri o vogliono arrestare Cosentino»

2)  A proposito di Marcello Dell’Utri (amico di Berluska), e a proposito delle motivazioni della sentenza d’appello che lo hanno condannato a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, ecco come ne ha parlato (su “Repubblica”), Francesco Viviano: «Berlusconi pagava Cosa nostra e taceva. Pagava attraverso Marcello Dell’Utri in stretto contatto con gli esponenti di primo piano della mafia. E’ un’altra conferma delle ‘relazioni pericolose’ di Marcello Dell’Utri e della consapevolezza di Silvio Berlusconi di pagare per evitare attentati e minacce…».

3)  Nella sospensione per tre mesi inflitta a Vittorio Feltri, il cardinal Ruini ha voluto vedere una riconferma della sua tesi. E cioè: che erano inconsistenti le accuse mosse al suo amico Dino Boffo (di essere un molestatore e un ghéi). 
... Ma Vittorio Sgarbi (su “Il Giornale”), ha avuto da ridire: «Feltri è stato sospeso per tre mesi, ma Boffo è stato condannato penalmente a sei. Una condanna penale. Dunque vi sono accuse riconosciute, non inconsistenti come afferma Ruini. E perché é stato condannato Boffo? Ha certamente molestato, anche nella incertezza della finalità, una donna, moglie di un amico… Vogliamo dunque chiarire, senza reticenze le ragioni della condanna? Per i tre mesi di Feltri lo sappiamo, per i sei mesi (condanna penale) di Boffo si sono alzate le cortine fumogene…».

4)  Il Papa (questo tiranno medievale), dice che se una donna vuole portare il burqa deve poterlo fare. E sarebbe bello capire se le guardie svizzere lascerebbero entrare in Vaticano chi si camuffa come un fantasma. Ad ogni modo, a fargli notare il controsenso ci ha pensato un islamico famoso. Precisamente Mario Scialoja, che intervistato da Rosalba Castelletti (per “Repubblica”), ha voluto fare alcune precisazioni sul burqa: «Non si tratta di un abbigliamento islamico, ma di una veste tribale… è contrario alla legge italiana sulla sicurezza perché impedisce l’identificazione, e il primo passo per integrarsi in un Paese è rispettarne le leggi… indossare il burqa non è un obbligo islamico…».

5)  Dunque dicono che il Papa abbia aperto al profilattico. Niente di più falso. 
Ecco alcune osservazioni (su “Il Giornale”), di Marcello Veneziani: «…L’esempio papale di pre­servativo tollerato è in verità un po’ parti­colare. Non lo riferisce al maschio, ma alla donna, e non alla donna in amore, ma alla prostituta... Alla peccatrice è ammesso l’uso del preservativo come attenuante; alla vita di coppia non si sa. Secondo il Papa, nel caso citato, il profilattico “può essere il primo passo verso una moralizzazione, un primo atto di responsabilità” verso la consapevolezza che “non tutto è per­messo e non si può fare tutto ciò che si vuole”. Dunque, il profilattico è accetta­to come freno più che come libertà, co­me monito più che via libera al piacere. Un lattice di rimorsi e non di licenza». 

6)  Quando pensa alla dimissionaria Mara Carfagna (la show-girl diventata ministra di Berlusconi dopo essere finita sui calendari con i capezzoli al vento), Paolo Guzzanti vede riconfermate le sue tesi su quella che lui chiama la “mignottocrazia”. Ecco, intervistato da Malcom Pagani (per “Il Fatto Quotidiano”), cosa ha dichiarato su di lei: «Con gli anni è diventata una zarina, un boss vecchio stile che agisce con spietata determinazione… Trovai in rete delle sue immagini sul crinale della pornografia. Foto davanti alle quali un lettore si poneva una sola domanda: “Ma questa fanciulla, porta o non porta le mutande? C'era uno stridore tra le istantanee e l'essere ministro. Mara si veste come un'orsolina in abiti civili , declama intenzioni conventuali, osteggia il Gay pride. E' assolutamente ridicolo. Nessuno ti crocifigge per essere stata abbracciata al palo di una discoteca con i capezzoli bagnati, però dopo non venire a tormentarci ululando come una comare indignata: “signora mia in che tempi viviamo”… Mentalmente, è un'oscurantista. Ignora che l'omosessualità è una delle varianti umane… E’ molto astuta e ha la faccia più bronzea delle statue di Riace: “Posai per quelle foto e ne sono contenta perché i miei nipotini potranno dire 'mamma mia com'era carina nonna da giovane'”, forse i nipoti ne faranno un uso diverso, meno elegiaco…».


_______________________________


Altri post come questo sono sul mio blog NATALEtuttoL'ANNO, sul mio blog-soggiorno, e infine sul mio blog-archivio.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

C'è una legge in Italia che obbliga le persone uomini o donne a portare le mutande???

Anonimo ha detto...

perché non vi battete per eliminare quelle persone che obbligano altre a portare il burqa, che mi sembra una cosa più logica, eliminarli non fisicamente, ma eliminarne la presenza in Italia, per loro e chi obbedisce a quelle stronzate

pellizzer ha detto...

A scanso di equivoci: personalmente non mi interessa sapere se la Carfagna (o chicchessia), tiene la mutanda. Io ho titolato così perché - nell'intervista di Paolo Guzzanti che ho citato - chi vede il vecchio calendario della ministra si pone innanzitutto questa domanda. Non ho neanche aggiunto la mia personale opinione sulla ragazza. Anche perché aspetto di vedere come si "posiziona" - diciamo così, e senza doppiosenso - dopo il voto. Inoltre, ho preferito non commentare perché trovo che non si può perennemente inchiodare una persona al suo passato.
Per quantoo riguarda il burqa, condivido quel che ha detto l'islamico che è nel post. Anzi, io spedirei nelle patrie galere pure quelli - connazionali compresi - che durante le rivolte si ostinassero a mascherarsi alzando anche solo il bavero della giacca.

Anonimo ha detto...

La Carfagna non le partava sicuramente prima di diventare ministro ora chi sà? Signori mi sono sempre posto una domanda Noi andiamo in altri paese come l'Iraq l'Afghanistan in Somalia in Bosnia in Serbia a fare i garnti per il voto democratico, la libertà di espressioni e poi noi abbiamo deputati vedi De Girolamo, Cosentino, Dell'Utri ed altri che non mi vengono, incriminati per voto di scambio, ma siamo seri andiamo tutti a casa e pr il bene di queto paesello che è diventeta l'Italia facciamoci un esame di coscienza e siamo meno ipocriti